SERVICES en

Scuola, reclutamento docenti e ATA: Anief chiede soluzioni urgenti per l’emergenza

Dopo l’incontro con il ministro dell’Istruzione, Lucia Azzolina, il presidente del giovane sindacato, Marcello Pacifico indica le linee guida
Pubblicato il 23/01/2020 Teleborsa
Il giorno dopo l'incontro al ministero dell’Istruzione tra Lucia Azzolina, titolare del dicastero, e le delegazioni dei sindacati rappresentativi, idee chiare in casa Anief.

Ad esprimerle è il presidente nazionale Marcello Pacifico che, intervistato dal quotidiano on line Linkiesta, sottolinea l'impegno del ministro sul lancio di specifici tavoli. Attraverso il concorso straordinario - spiega Pacifico - "avremo 25mila assunti a settembre, ma ricordiamo come quest’anno toccheremo il record di 170mila supplenti. Per questo abbiamo chiesto al ministro di usare il meccanismo della chiamata veloce, estendendolo alle nuove graduatorie di istituto provinciali che saranno usate per stabilire le supplenze". In attesa che i concorsi abbiano seguito, cosa che non sarà veloce - aggiunge il sindacalista - almeno "riusciremmo a reclutare gli stessi precari chiamati dalle graduatorie di istituto". I concorsi da soli non bastano. "Deve essere una scelta politica – puntualizza il leader di Anief – secondo noi quella che suggeriamo è l’unica soluzione per rispondere all'emergenza del precariato".

Il personale scolastico necessario a far funzionare la macchina dell’istruzione non si limita a quello docente, e anche qui i problemi non sono da meno: "Per il personale ATA - continua Pacifico - abbiamo chiesto di risolvere il problema dei precari amministrativi, che da anni sono chiamati nelle nostre scuole. Abbiamo quindi richiesto un impegno a sbloccare queste assunzioni".
Per vedere l’andamento dei titoli durante la giornata collegati a finanza.lastampa.it