SERVICES en

Bankitalia rilascia il bollettino: "Previsto solo un +0,1% di PIL"

Non sono rassicuranti le previsioni emerse dagli uffici di Palazzo Koch sull'economia del Paese
Pubblicato il 12/07/2019 Teleborsa
Si è fermata l'economia italiana dopo la recessione tecnica nella seconda metà del 2018, è aumentata l'incertezza politica di bilancio, sopraggiungono tensioni sulle politiche commerciali e i finanziamenti alle imprese sono leggermente contratti. Questo è quanto emerge dal bollettino economico di Banca d'Italia, che evidenzia una generale incertezza per gli anni futuri.

I segnali di irrigidimento tuttavia sarebbero solo lievi e limitati alle imprese, mentre la crescita è ancora solida per le famiglie. L'aumento dell'onere della provvista obbligazionaria delle banche registrato nel 2018 non si è trasferito in maniera determinante sui tassi d'interesse sui prestiti alla clientela grazie alla solidità dei bilanci bancari. I segnali di irrigidimento si vedono soprattutto per le condizioni di accesso al credito per le imprese medio-piccole. 

Questi fattori sarebbero correlati alla stazionarietà dell'economia nazionale, che potrebbe diminuire "dopo il modesto aumento nei primi tre mesi del 2019 (+0,1%)". "La debolezza del ciclo industriale - spiega Via Nazionale - che riflette soprattutto il perdurare delle tensioni commerciali a livello internazionale, sarebbe stata solo in parte controbilanciata dall'andamento favorevole dell'attività nei servizi e nelle costruzioni".

"Sul piano interno - spiega Bankitalia- un accentuarsi dell'incertezza riguardo agli orientamenti della politica di bilancio negli anni successivi a quello in corso potrebbe determinare nuove turbolenze sui mercati finanziari e contribuire al deterioramento della fiducia di famiglie e imprese, con ripercussioni sulla dinamica degli investimenti". A seguito di ciò il quadro generale non accenna a migliorare, tanto più che Palazzo Koch rivede al ribasso le previsioni sulla crescita. Secondo il bollettino economico, il PIL dovrebbe segnare solo un +0,1% quest'anno, per poi accelerare a +0,8% l'anno prossimo e a +1% nel 2021. All'inizio di giugno le stime erano state tagliate a +0,3% per il 2019, +0,7% per il 2020 e +0,9% per il 2021.

"Il quadro - si legge nel bollettino - è caratterizzato da un rallentamento degli investimenti, in linea con quanto segnalato dalle nostre indagini presso le imprese e con il progressivo aumento dei costi di finanziamento. Le esportazioni risentirebbero della decelerazione del commercio mondiale. Le aziende italiane manterrebbero tuttavia le proprie quote di mercato".

Per vedere l’andamento dei titoli durante la giornata collegati a finanza.lastampa.it