SERVICES en

BCE, crescita Eurozona più debole del previsto

Situazione che potrebbe perdurare a causa della congiuntura con inflazione debole
Pubblicato il 11/02/2019 Teleborsa
Previsioni a ribasso quelle comunicate dalla Banca Centrale Europea, la quale afferma che l'economia dell'eurozona si è dimostrata più debole del previsto negli ultimi mesi. Il dato, sempre secondo le analisi della BCE, potrebbe perdurare nel breve termine insieme con un' inflazione a sua volta moderata che riflette del prezzo dell'energia. 

"E' probabile - commenta il vicepresidente della Banca Centrale Luis de Giundos, durante un intervento alla Deusto Business School di Madrid - che si attenui ulteriormente nei mesi a venire quadro che richiede una certa cautela".

Lo stesso poi ha rassicurato che non sono venute meno le basi solide dell'economia nel vecchio continente e che "continuerebbero a persistere solidi fattori di tenuta a sostegno della dinamica dei prezzi e della sua convergenza stabile verso i livelli obiettivi della Bce".

Tra questi De Guindos ha fatto presente l'esistenza di condizioni finanziarie favorevoli, i progressi ottenuti nel mercato del lavoro, i rialzi dei salari e i riscontri positivi ottenuti sulla crescita grazie ai cali dei prezzi dell'energia.

"Controlliamo continuamente che l'inflazione stia convergendo verso i nostri livelli obiettivo, che la vedono inferiore ma vicina al 2% in maniera sostenibile". Infine si è deciso, durante il direttorio di gennaio, di mantenere la rotta dell'attuale politica monetaria che prevede il mantenimento di un significativo livello di stimolo senza tralasciare la persistente incertezza e i segni di crescita più debole del previsto che richiedono scelte ponderate.

Per vedere l’andamento dei titoli durante la giornata collegati a finanza.lastampa.it